Distesa

Tutto era partito dai tuoi occhi, dal taglio dei tuoi occhi.
Due occhi chiari, le ciglia curate, uno sguardo quasi perso nell’infinito della vita, occhi dell’est.
Mi ero perduto nel tuo sguardo che mirava il vuoto e non fissava me.

Ma ero partito da li, dai tuoi occhi per concedermi di poter entrare lungo il tuo campo visivo. Un passaggio obbligato forse per entrare nella tua vita. Non avrei mai pensato che quegli occhi mi avrebbero portato a disegnare, ulteriormente, i lineamenti del tuo corpo. Ora, qui, nudo… disteso sul letto di una camera in penombra; il tuo corpo abbandonato per me, con me.
Sei ora tu nel mio campo visivo a assecondare ogni giorno il piacere che ho nel guardarti. Catturata, trascinata dallo stesso piacere capovolto: il lasciarti guardare da me.
Strano per un fotografo, che dovrebbe mantenere sempre quel pizzico di professionalità e distacco. Ma l’eccitazione è un po’ come la fotografia, devi trovare sempre la giusta distanza, la corretta messa a fuoco, perfezionare l’esposizione, quella sottile sfumatura propria della profondità di campo.
E’ così che mi sento ora, alla giusta distanza dal tuo corpo che indossa gli ultimi indumenti della giornata: il reggiseno di pizzo, la giarrettiera che si abbandona come una corda con la quale poter afferrare ogni singola emozione.
I tuoi slip sono a terra e tracciano l’ultimo sentiero percorso, quello che delinea ogni passo di una inibizione lasciata cadere. Le scarpe invece, astutamente, le indossi ancora; una scelta forse studiata e non lasciata di certo al caso.
Sei timida, è vero, ma adesso sento che hai voglia solo di libertà estrema, solo voglia di lasciarti andare, di eccedere, di sentirti solamente mia, infinitamente mia.

E ora lo sei.

photo_2019-09-17_07-24-50

Annunci

Il commesso inaspettato

Ogni gesto era in equilibrio sulle scarpe che non sfilava mai per nessun motivo, forse per non far toccare il piede a terra o forse perché le faceva piacere provare gli indumenti indosso senza privarsi di quell’artifizio così femminile.

Ero uscito dall’ufficio poco prima delle dodici anticipando di gran lunga il pranzo. Avevo imboccato una via secondaria per evitare la tanta gente che popolava il sabato di Milano.

La temperatura autunnale di novembre era tiepida eppure mi ero allentato la cravatta per un fastidioso caldo provocato forse dal passo più svelto.

E’ stato ad un incrocio che l’ho vista passare.

Aveva un cappottino giallo che lasciava intravedere un tailleur forse di colore verde scuro. Camminava con un passo intervallato, su un decolté con un tacco che batteva il suono sull’asfalto. I movimenti erano alternati da brevi pause o altre più prolungate che la catturavano oltre le vetrine dei negozi. Aveva i fianchi generosi, delle forme classiche, un cappello che le stava bene, non era di certo una signora di una magra monotonia.

Non so da quanto una donna non mi avesse rubato così lo sguardo. E’ stato in quel momento che ho deciso di seguirla; i passi che l’allontanavano mi trascinavano a lei come con una forza misteriosa e attrattiva. Non sono state tante le donne che avevo deciso di rincorrere con discrezione, lei era una di queste.

Per non dare sospetti, mi fermavo anche io di tanto in tanto a guardare oltre una qualsiasi vetrina, ma nella maggior parte dei casi il negozio non faceva per me: borse da donna, accessori, articoli per fumatori, rischiavo con molta probabilità di lasciare molti più dubbi di quanti ne volessi coprire. Mi veniva da sorridere trattenendo un leggero imbarazzo.

Lei non si curava molto di ciò che la circondava attorno, sembrava l’unico tono di colore in una fotografia di Milano in bianco e nero. Avevo deciso di saltare il pranzo per dare ancora più tempo a quel frangente, ma mai avrei potuto immaginare cosa mi sarebbe capitato a breve nei minuti a seguire.

E’ stato un istante dopo che entrò in quel negozio.

Mentre camminavo sul marciapiede sullo stesso lato non riuscivo a scorgere l’insegna e quali articoli merceologici si vendeva. Comprendevo solo all’ingresso che si trattava di una boutique di intimo, di un genere molto raffinato. Manichini slanciati nelle vetrine indossavano tessuti succinti di uno stile retrò. All’interno si potevano scorgere diversi indumenti figurati da prosperose pin-up.

Una barriera a lama d’aria mi spettinava fastidiosamente mentre ero fermo all’ingresso.

Dovevo decidermi se andare via o entrare. Mi decisi a seguito della sciocca preoccupazione che avvertivo quando mi accorsi di averla perduta tra gli scaffali. Entrai con un certo imbarazzo, ma giustificavo il mio ingresso dal fatto che potevo essere lì anche solo per fare un regalo, che male c’era? Certo ero l’unico possibile acquirente uomo in quel momento.

Camminavo fingendomi incuriosito dagli articoli (molti di questi davvero catturavano la mia attenzione) in realtà tentavo di individuarla tra quelle persone che intravedevo precariamente dietro a qualche espositore.

– Mi scusi un’informazione –

Quando mi sono sentito chiamare di spalle, non avrei mai pensato che girandomi mi sarei trovato proprio lei davanti a me. In mano teneva un capo che facevo fatica a distinguerne la tipologia. Ad un passo da me era ancora più affascinante. Non so a che battiti il cuore ormai pompava, ma era bella quell’emozione così improvvisa e inaspettata per un uomo sempre imperturbabile e austero come ero.
Nella trepidazione e nel leggero impaccio sono riuscito a risponderle: – mi dica, come posso aiutarla? –  

– Stavo cercando modelli simili a otto giarrettiere, ne avete? –  

Capivo solo in quel momento dell’equivoco che si stava venendo a creare. Forse era la giacca e la cravatta che consentivano di confondermi per il commesso del negozio. C’era poco tempo per decidere come replicare, ma non ero più capace di ritrarmi da quell’utilità del ruolo che mi era stato conferito dalla casualità.

Avrei dovuto comunque essere all’altezza di rispondere alla domanda comprendendo quanto potessi essere ignorante sull’argomento, diversamente lei ne era piuttosto competente. Dovevo farmi trovare pronto quindi esclamai un ‘no’ secco che le fece cambiare espressione del viso assumendo un profilo di delusione molto evidente. Il suo sguardo era poco chino sull’indumento che teneva in mano, pensieroso su cosa fare.

– Che stupido – mi dicevo tra me e me, e sentivo di voler in qualche modo rimediare con una rassicurazione: – Mi dia comunque il tempo per verificare a catalogo –
Lo dicevo con un leggero sorriso che contagiò anche il suo. Gli occhi ripresero ad illuminarsi e compresi che era soddisfatta della risposta e della speranza riposta.

– Entro in camerino a provare qualcosa nel frattempo –

Il camerino era proprio lì a pochi passi. La vidi aprire la tenda, appoggiare la cruccia sul gancetto, sfilarsi di dosso il cappottino giallo che finalmente lasciava intravedere il tailleur che indossava.

Dovevo allontanarmi per fare finta di verificare quanto mi aveva chiesto. Avevo anche pensato di inoltrare la richiesta alla commessa vicino la cassa, ma ero dubbioso su quanto stessi domandando e soprattutto avevo il timore che potesse chiedermi altri dettagli che assolutamente non conoscevo. Feci quindi solo un giro attorno agli espositori mirando di tanto in tanto verso il camerino chiuso dalla tenda.

Da lontano si poteva scorgere bene il movimento delle gambe slanciate sulle scarpe alte, i movimenti che alzavano una gamba e poi l’altra per scavalcare la gonna caduta a terra. Ogni gesto era in equilibrio sulle scarpe che non sfilava mai per nessun motivo, forse per non far toccare il piede a terra o forse perché le faceva piacere provare gli indumenti indosso senza privarsi di quell’artifizio così femminile.

Da un altro indumento a terra avevo compreso che stava indossando delle sottovesti di pizzo nero. Provai ad avvicinarmi, un poco rassicurato dal mio nuovo ruolo, ma in realtà ero catturato da quella leggera fessura che si era creata tra la tenda e la parete del camerino.

Mi sentivo molto voyeur, sapevo che non era una cosa moralmente corretta, ma per ogni passo indietro che facevo, tre mi portavano poi più avanti. Alla fine raggiunsi un punto ideale per i miei occhi.

Lo spacco della tenda da muro, ancora più aperto da un suo involontario movimento, permetteva di vederla bene in déshabillé. Indossava delle calze fermate da un reggicalze che non doveva aver scelto in negozio. Intuivo che era una habitué di quel genere di abbigliamento erotico. Mentre una bretella saltava liberando la calza, delicatamente alzava la gamba fermandola sull’orlo dello sgabello per ricomporre il delicato nylon nella sua abituale posizione; infilava le unghie rosse in modo delicato all’interno del tessuto, per afferrarne il ricamo e delicatamente riportarlo al livello dell’inguine dove lo imprigionava con una abile pressione al fermo. Le giarrettiere segnavano delicatamente la pelle chiara sui rosei glutei. Indossava quell’abbigliamento come fosse un’armatura, come a prepararsi ad una battaglia passionale.

Per un attimo mi sembrò che nel riflesso dello specchio si accorse della mia presenza, ero indubbio se mi fossi confuso o se veramente si fosse accorta che la stessi spiando.

Il dubbio era ancor più enfatizzato dalla sua noncuranza; non la notavo affatto sorpresa.

Quella stessa noncuranza poteva anche essere legata a quanto poteva essere naturale mostrarsi così davanti ad un commesso? Oppure iniziai a pensare che avesse intuito che non ero quello che sembravo. Allora potevamo essere complici ad un gioco del vedo non vedo? Un gioco di intenti, di sguardi, abilmente creato dal caso e enfatizzato dalle nostre volontà.

Pensavo che le piaceva avere i miei occhi addosso, che le correvano lungo le forme generose, che si soffermavano attenti tra i dettagli e sulle movenze che rappresentava per me.
Troppi pensieri e troppi dubbi.

L’unica certezza, l’unica realtà era quella che potevo osservare.

 

Desiderio

Qualche volta penso che il desiderio sia un’onda inafferrabile, un transitorio che passa sul corpo finendo per placarsi prima ancora d’essere accolto – perché?

Il tempo vissuto ha modificato molte cose, sono portato a pensare che oggi ci sia certamente un miglior equilibrio emotivo, ma conseguentemente la stessa severità verso le mie impressioni non mi permette di restituire libera esplosione all’impulsività – sarà poi sbagliato?

Oppure è solo questione di tempo scontato, di banalità e di prevedibilità; l’anticipazione delle mosse altrui deruba tutta la sensazione di mistero, di quell’incertezza che affascina, di rischi che mantengono in tensione l’attesa, fattore davvero determinante nel desiderio – sarà questo dunque?

Le persone hanno dimenticato come si desidera, bruciando l’attesa e imponendo da subito avvertimenti risolutivi che possano promettere compimento degli scopi desiderati. Forse esiste proprio l’abitudine dell’arrivare rispetto al piacere di godere del percorso, forse proprio perché il desiderio stesso è vissuto male, con disagio e ansietà… e l’arrivo costituisce proprio la cima che apre lo sguardo verso una sensazione di pace e completezza – ma se il percorso poi è tanto breve e così immediato, il desidero dove potrà mai essere alimentato?

Paradossalmente quella stessa incertezza che a molti crea trepidazione e preoccupazione per me costituisce elemento di fantasia ed aspirazione… di piacere di conquista e dunque di ‘desiderio’.

C’è anche da aggiungere che sono un realista e su questo proprio non posso farci nulla; la realtà per me è concreta, oggettiva… e su questo la mia visione non è quasi mai quella di altre persone. Fatico a farmi incantare dall’illusione, fatico a credere nell’idea rispetto a quanto ho bisogno di vita percepibile, di quella ordinaria che mi ruota attorno in ogni attimo. No, non sono un buon sognatore, né di notte né tanto meno di giorno. Semmai sogno per me è considerabile come ambizione, un proposito di un’idea – sarà dunque tutta colpa del mio lavoro?

Possibile, non lo escudo.

328_1000.jpg

Imprinting

Sono cresciuto all’interno di un negozio di parrucchiere per signora, viale delle Formaci, Roma. Ricordo le donne in camice rosa, gli odori delle lacche, il rumore del fono e i colori dei bigodini con cui giocavo.

Ricordo quando tiravo loro il grembiule, le voci che chiamavano per il mio nome, al diminutivo… e le clienti che mi sollevavano di peso per sorridermi con quei visi incipriati e manicure appena fatte – stili di inizi anni settanta.
Il mondo femminile mi ha sempre affascinato, trattiene in se tutti i particolari che visivamente mi compiace accogliere.
E’ un mondo accattivante e ne vale sempre il desiderio di esplorarlo – che male c’è?
Lo faccio comunque con distacco, con una separazione emotiva che non sempre viene compresa ed accettata; le pulsioni attrattive di questo universo sull’uomo si fanno pungenti, colgono e mettono in tensione sempre il nervo più libidinoso, diversamente il pieno controllo di un distacco, mi permette di anatomizzare questo universo, cogliendone sfumature, suoni e anche piaceri.

Da adolescente, mia madre trasferì il suo negozio da parrucchiera sotto la nostra abitazione; le sue clienti attraversavano un cortile per recarsi dall’ingresso, pochi passi dal giardino al negozio.

Le conoscevo quasi tutte, erano più di quattrocento, ma nella quantità a me piacevano in particolare quattro.

Entravo di nascosto in negozio verso l’ora di mezzodì, tutti erano in pausa. Consultavo l’agenda degli appuntamenti settimanali per annotare alla mente in quale giorno e a quale ora fossero passate. La signora Saveria, Rita Vespa, Anna e quella che chiamavano ‘la Professoressa, era anche il sopranome riportato settimanalmente in agenda.
In cantina, lungo l’intercapedine umida, una piccola finestra dava sul terreno del cortile e da quel nascondiglio, per il breve tratto di strada, potevo osservare le gambe di queste clienti transitare verso l’ingresso del negozio. Era un percorso breve, cinque forse sei passi prima che una di loro salisse i tre gradini.

Proprio in quell’ultimo istante la posizione poteva essere ancora più ottimale, ma la frazione di secondo era minima. Solo alcune volte sono riuscito a scorgere l’accenno di un ricamo sull’orlo della Professoressa.

Non ricordo quando ho smesso questo rito, forse quando ho iniziato ad avere maggiori possibilità di osservazioni dirette sulle donne.
Ma il ricordo di quel diversivo mi riempie di simpatia, leggerezza e di nostalgia.

Prima fila

Immaginarti a cavallo di un fremito per essere rubata al desiderio di un attimo.
Impossibile regalare altro tempo ai vincoli portati; cerniere, cinture, lacci ben congiunti che non frenano in ogni caso il tuo avanzare sicuro.

A quattro mani sul tavolo ti avvicini combattendo con le aderenze e poi con il pensiero ti ritrovi denudata in un attimo.

Sollevi la gonna, immobilizzandomi con occhi; non hai più riserbo alcuno, svincolata dal riguardo, briosamente sottomessa ai sensi. Un placido sorriso a labbra semiaperte, non dissuadi più lo sguardo altrove intimidito; ora mi fissi, ora mi cerchi, ora mi vuoi.

Vuoi che io ti ammiri, mentre avanzi con le mani lungo le colonne nivee a cavare il lembo della tua biancheria, per calarla gradualmente, senza fretta alcuna.

Ma ad assecondare quel tessuto ricamato, la tua gonna, crolla, come un sipario su un primo atto, senza rivelare l’epilogo smaniato…

E’ così che rivedi il finale a riprova della tua infallibile direzione artistica – ti avvicini nuovamente e in ginocchio, seduta sul mio corpo, innalzi il sipario lentamente, ancora una volta…

…ora sono spettatore in prima fila.

Open at your own risk

Per l’occasione avevo comprato un pensiero per te. Era un capo di intimo.

Avevamo ironizzato più volte su questo possibile regalo e azzardavamo con allegria a questa possibile trasgressione.
Una fantasia realizzabile, lecita, la più raggiungibile tra le tante altre fantasticate su di te che riservavano a differenza momenti di estrema audacia.

Il gesto era dolce e intimo, racchiudeva in sé tanti significati, e così profondi.

In particolare mi veniva da pensare a due concetti: La confidenza che avevamo raggiunto era davvero esclusiva, irripetibile. E il secondo pensiero, a quanto fosse importante il mio farti sentire sempre innegabilmente desiderata.

Stavo per consegnarti le vesti del mio piccolo sogno.

Nello poco spazio avanti a noi, nei pochi metri di parcheggio, attraverso il varco delle portiere che ci occultavano da occhi estranei, mi affrettavo a consegnarti la busta con il mio pacchetto. Un po’ per la voglia di vedere il tuo viso sbalordito e compiaciuto, un po’ per la sciocca paura del dimenticare tutto in auto; pensavo alle possibili conseguenze se il regalo fosse finito per distrazione in mano sbagliate. Le solite paure.

Rimanevi meravigliata ed emozionata nel ricevere questo pensiero.

Saliti all’interno dell’auto, scartavi il tuo regalo con dedizione, con le mani che tremavano come sempre in tutte quelle volte che ci incontravamo.

E tremavano anche gli occhi… le palpebre dall’emozione si socchiudevano con un tremolio che non trattenevi e che diventava ogni volta peculiarità del tuo viso. Mi piaceva quando facevi così, perché si leggeva quello sforzo che tratteneva il batticuore, e anche se volutamente avessi voluto nascondermelo, era un tentativo poco riuscito; io preferivo che non lo vincessi ogni volta quel turbamento.

Quando gli occhi li riaprivi, mi guardavi – erano sempre chiari e lucidi.

La scatola che racchiudeva il completino, portava una scritta ironica in inglese: – apri a tuo rischio. – Sorridevi nel leggerla, ma di rischi ne potevamo commettere ben altri da quel momento….

Non abbiamo più nulla da rischiare ora.

Davvero più nulla… nessun rischio, nessun tremolio del ciglio, nessuna più emozione.

2019-07-15_18h27_23.jpg

Le scale

Quando ci si appassiona di un desiderio inavvicinabile, le proprie certezze decadono ritrovandosi in una situazione d’indefinito… d’incerto. E così malgrado sia una persona sicura di me, ultimamente, barcollo tra un’apprensione non definita, di cui non ho conoscenza neppure della fine ultima.

Le scale che portano in mansarda sono di noce, i gradini ripidi ed il passaggio è largo solo poco più di settanta centimetri.
Mi precedi con un tacco che fa suonare il legno del primo gradino; al quinto le pieghe plissettate della gonna s’incurvano lasciando margine di veduta all’avvallamento superiore delle tue gambe. Io sono ancora al primo, con i ricami che mi arrivano quasi alla gola.

Non intendo se perdo l’equilibrio per questo, ma inciampo in un gradino di turbamento, la pianta in cuoio della scarpa batte un colpo di caduta, ti allarma in uno scatto tempestivo per esclamare – attenzione! –

Nella stessa istantanea fisso l’attenzione di quel tuo movimento
fulmineo, che trasforma in un’elica il lembo di stoffa plissettata, prendendo il volo in alta quota e svestendo ancora una volta gli estremi della tentazione.

Rimango in ginocchio, non so se ferito fisicamente od emotivamente, ma riconosco tutta la fragilità di questo disequilibrio e di tutte le volte che ho perduto sostegno in una qualsiasi tua manifestazione involontaria, seduttiva.

Rimango in ginocchio, sorreggendomi con una mano sul corrimano e accorgendomi che l’altra mano si è sorretta involontariamente alla tua caviglia, smagliando un poco la tua calza scura.

Una stretta troppo forte di concitazione.

2019-07-22_10h39_04.jpg